LE PERSONE DI NUOVO AL CENTRO

Pubblico con grande piacere un articolo di un caro amico e promettente uomo in azienda: Enrico Chiari.

LE PERSONE DI NUOVO AL CENTRO

Evoluzione delle imprese nel ventunesimo secolo

“Non si fa impresa per i soldi. Si fa per realizzare dei sogni: quelli propri e quelli altrui.”

La prima delle undici regole etiche di Derek Sivers può sembrare surreale e soprattutto fa nascere una domanda: chi caspita è Derek Sivers?

Un ex musicista, che nel 1998 ha deciso di diventare imprenditore e creare Cd Baby, uno dei primi negozi di cd online per musicisti indipendenti.

All’inizio, ovviamente, valeva zero. Dieci anni dopo le vendite mensili viaggiavano sui 4 milioni di dollari. E nel 2008 l’ha venduta a Disc Makers, destinando quasi tutti i proventi (22 milioni di dollari) al Musician Charitable Remainder Unitrust, un fondo benefico a supporto dell’educazione musicale.

Perché questa premessa? Perché sabato 6 ottobre 2018 ho assistito a un corso di formazione organizzato da Manuel Caffè, azienda di San Vendemiano (TV) con più di 40 anni di storia.

In realtà non è stato esattamente un ‘corso di formazione’,

ma piuttosto un’esperienza da vivere insieme.

Questo è ciò che Fabio Momesso, il trainer aziendale della giornata, ha specificato ai partecipanti. E siccome collaboro con lui, posso dire che quello non è solo un modo di dire.

L’evento è stato pensato e progettato per iniziare a ‘seminare’ in una precisa direzione: quella che intende elevare la consapevolezza relazionale tra i professionisti del settore vendite dell’azienda. I tre fratelli al vertice – Manuela, Mauro e Cristina De Giusti – presenti in mezzo alla trentina di partecipanti, hanno volutamente intrapreso questo sentiero.

Di solito quando assisto a questo tipo di eventi, tendo a osservare e ascoltare più dettagli possibili. E quello che mi ha stupito sono due elementi, connotati entrambi da umiltà:

  • la curiosità dei professionisti presenti.
  • la partecipazione dei fratelli De Giusti.

Se fai parte di un’azienda senza avere responsabilità dirigenziali, in questi casi devi per forza attingere dall’umiltà, perché c’è qualcuno che ti sta – gentilmente – invitando a imparare ancora.

Se rivesti un ruolo di management, l’umiltà è altrettanto essenziale: devi metterti sullo stesso piano delle persone verso cui prendi decisioni e che si aspettano da te scelte convinte.

A parole siamo tutti capaci di porre l’attenzione su qualità dei prodotti, capacità di innovazione, valorizzazione delle persone, centralità dell’etica. Le fondamenta però partono sempre dall’azione concreta, che dev’essere congruente con il messaggio che inviamo.

Continuare a fare impresa,

avere la volontà di innovare sapendo cambiare in corso,

senza perdere mai la propria identità.

Questa è la sensazione che mi ha dato Manuel Caffè, sabato scorso.

Guardandoli attentamente ho pensato ancora una volta che agli imprenditori si può toccare tutto, ma non la terra. Perché terra significa famiglia, radici, valori, lavoro, passione.

Solo che anche loro stanno comprendendo ciò che sostiene Philip Kotler, quando avverte che “il marketing orientato al profitto ormai è morto. Un’azienda può pensare di prosperare solo col marketing della felicità e del benessere”.

Nonostante la costante presenza dell’incertezza, questo è esattamente il momento per ascoltare e mettere in dubbio.

Ascoltare noi stessi, in primis, e poi le persone con cui ci relazioniamo. Se queste persone sono i nostri clienti, l’unica chiave di una relazione possibile è basata sull’ascolto e sull’autenticità. Non hanno ancora inventato un’altra via.

Allo stesso tempo, provare a mettere in dubbio alcune credenze a cui diamo retta da quando eravamo bambini. E mettere in discussione abitudini personali che magari non ci stanno affatto ‘aiutando’.

Che tu sia un imprenditore, un manager commerciale, un professionista delle vendite, un esperto di comunicazione, devi prepararti ad ‘abitare’ in questo secolo.

Questa è una realtà che cambia alla velocità impressionante ma è anche un’epoca dove possiamo avere accesso a tutto ciò che è essenziale per noi:

  • Informazioni
  • Relazioni
  • Amore

Enrico Chiari

Storymaker | Formatore | Facilitatore